Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

RICCARDO NOBILE

BIOGRAFIA

Riccardo Nobile è nato il 6 Dicembre 1972 a Montescaglioso (MT), ove attualmente risiede. Laureato con lode in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Bari con una tesi in Meccanica Sperimentale dal titolo “Caratterizzazione Meccanica di Strutture Sottili”, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria dei Sistemi Avanzati di Produzione presso il Politecnico di Bari in cotutela di tesi con l’Université de Metz (Francia), discutendo una tesi dal titolo “Verifica ed Affidabilità di Strutture Saldate”.
Nel corso del dottorato ha trascorso un soggiorno di studio presso il Laboratoire de Fiabilité Mécanique dell’Université de Metz (Francia) ed ha partecipato ad una campagna di prove sperimentali su tavola vibrante presso il LNEC - Laboratorio Nacional de Engenharia Civil di Lisbona, nell'ambito del programma di ricerca ECOEST2 (European COnsortium of Earthquake Shaking Tables).
Dal 15 Ottobre 2001 è ricercatore confermato presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università del Salento nel settore scientifico-disciplinare ING-IND/14 – Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine. Come ricercatore ha svolto la docenza di vari corsi universitari quali Meccanica dei Materiali, Meccanica Sperimentale, Progettazione Assistita di Strutture Meccaniche presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università del Salento e Elementi Costruttivi delle Macchine presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università della Basilicata. Nell’ambito di tali corsi, è stato relatore di svariate tesi di laurea. Fa attualmente parte del collegio dei docenti del dottorato in Ingegneria Meccanica e Industriale istituito presso l’Università del Salento.
Riccardo Nobile ha pubblicato più di 50 articoli scientifici, di cui 12 su riviste internazionali o raccolte in volume e 16 a convegni internazionali. Nel corso degli anni ha inoltre partecipato a vari PRIN e progetti di ricerca finanziati dalla Regione Puglia.